6 domande da porti prima di commissionare una web app

Come valutare correttamente il tuo prossimo investimento digitale

1. Quale problema aziendale voglio risolvere?

Individua le criticità che vuoi eliminare dai tuoi processi produttivi o manageriali e chiediti se la web app è la soluzione che stai cercando. In molti casi è lo strumento giusto, ma può anche capitare che un’azienda debba prima affrontare altre sfide interne che ostacolano il suo buon funzionamento. Distingui i problemi che nascono da carenze tecnologiche da quelli che riguardano il personale o l’organizzazione aziendale.

Facciamo un esempio: il reparto collaudi di un’azienda che assembla macchinari industriali vuole ridurre gli errori durante la procedura eseguita dal personale supportato da un software guida. Gli errori possono essere determinati da fattori diversi. Forse il personale si distrae a causa di elementi di disturbo da eliminare (rumori, interruzioni, poco tempo…), oppure l’interfaccia del software è progettata male, confonde gli operai e andrebbe rifatta, o entrambe le cose. Individuare i problemi in modo chiaro ti permette di valutare le priorità, trovare le soluzioni e decidere quali perseguire.

Inoltre chiediti: qual è l’impatto aziendale del problema che voglio risolvere? Risolvendo quel problema, su quali altri aspetti aziendali posso concentrarmi? Quali altre opportunità di crescita aprirà per il futuro?

2. In quanto tempo posso ammortizzare l’investimento?

Spesso i manager e l’amministrazione devono valutare con attenzione i budget necessari per lo sviluppo di una web app e considerare le tempistiche di ammortamento. Soprattutto per le medie grandi aziende con fatturati importanti, i costi di progetto possono essere riassorbiti rapidamente.

Riconduci sempre i costi a una riflessione di lungo periodo: i software sono un investimento sul quale poter sempre contare perché con una corretta manutenzione continuano a contribuire al tuo benessere aziendale nell’arco di molti anni. Più si investe in qualità e professionalità ad inizio progetto minori saranno i costi da sostenere in futuro per mantenere la web app operativa ed efficiente.

Puoi anche capovolgere la prospettiva: senza una web app che lo migliori, quanto ti verrà a costare il processo che vuoi perfezionare, tenendo conto delle sue inefficienze e della loro ricaduta economica? Puoi trasformare quel “rubinetto che perde” in un’opportunità d’investimento.

3. Quanto tempo potrò risparmiare usando la mia web app?

A volte non ci rendiamo conto di quanto tempo viene speso ogni giorno per adempiere a tante piccole mansioni che vengono gestite con metodi tradizionali poco efficienti o con software datati che mal rispondono alle moderne necessità di velocità di risposta e usabilità per l’utente.

Pensa alle web apps come strumenti in grado di ottimizzare le performance aziendali. Ogni giorno sono al tuo fianco per agevolare il lavoro del management e dei dipendenti.

Puoi demandare al software le procedure complesse e dare maggior valore alle competenze strategiche dei tuoi collaboratori. Dopotutto le buone idee senza strumenti adeguati non sono applicabili ma, senza buone idee, gli strumenti sono inutili. Intanto puoi far emergere il meglio del tuo team mettendolo nelle condizioni di lavorare in modo efficiente.

4. Che benefici aziendali diretti e indiretti può portare?

Le web apps forniscono strumenti in grado di far fronte a mansioni precise e determinate, ma non è tutto qui. Processi lunghi e ripetitivi affidati ad algoritmi che li possano gestire senza intervento umano, riduzione dello stress del personale dettato dai minori tempi di caricamento di dati e contenuti, miglioramento della reperibilità delle informazioni e delle interazioni con fornitori e clienti.

A volte dietro le funzionalità di una web app si nasconde un’interessante lista di benefici collaterali che si innescano a catena dal momento in cui viene messa a disposizione dell’azienda. Ogni software ha le sue peculiarità e non c’è una regola fissa con la quale determinare fino a che punto plasmerà l’ambiente lavorativo. Prenditi il tempo per riflettere sull’impatto positivo che porterebbe all’operatività quotidiana di tutti, magari raccogliendo informazioni direttamente dalle persone in azienda sui problemi più sentiti.

5. Che vantaggi competitivi mi garantirà sul lungo periodo?

Chi ben comincia è già a metà dell’opera. Anziché pensare unicamente ai benefici immediati strettamente legati alle funzionalità del software, rifletti anche sul vantaggio competitivo tecnologico di medio e lungo periodo.

In questo momento di grandi migrazioni digitali dai sistemi locali alle infrastrutture in Rete, avviare un percorso di rinnovo aziendale significa trovarsi preparati ad affrontare le sfide che si presenteranno da qui ai prossimi cinque anni o più ed essere più competitivi e, se ti occupi di produzione, pronto per l’industria 4.0.

Dato che nel business globale alcune delle più grandi partite di oggi si giocano in campo digitale è opportuno tenere il passo con le aziende previdenti che aggiornano e ottimizzano i propri processi produttivi e manageriali.

Investire nel digitale per le imprese significa essere più efficienti e prevenire i problemi che si presenteranno nei prossimi anni, essere concorrenziale e poter gestire al meglio i processi senza sprechi.

6. La mia azienda è pronta ad accogliere l’innovazione?

Le web apps ci aiutano, ma non fanno tutto da sole: occorre terreno fertile per far sì che diano i loro frutti. Disporre di hardware adeguato con sistemi operativi aggiornati per utilizzare i web browsers giusti è un modo per sfruttare a pieno le web apps. Anche il mindset aziendale è importante: fai in modo che la nuova adozione venga assimilata dai futuri utenti in modo partecipato.

Prima di dare il via ai lavori occorre pianificare correttamente le azioni in modo che le nuove tecnologie possano applicarsi a nuovi metodi per produrre risultati ottimali.

Evita che il software venga percepito come una novità imposta, ad esempio, coinvolgendo il personale nelle analisi e nei test di UX/UI design (leggi la nostra panoramica sulla user experience). Dedicare un po’ di tempo per assicurarsi che gli utenti conoscano e sappiano sfruttare il software al meglio previene eventuali nuovi scenari di inefficienza.

Spero che questo articolo ti abbia chiarito le idee, senza la pretesa di essere stato completamente esaustivo. Il tema è sfaccettato, ma se vuoi un confronto più approfondito, contattaci. Noi di Dreamonkey possiamo fornirti consulenza e supporto per definire meglio le necessità della tua web app e aiutarti a valorizzare il tuo investimento.